Miracoli dal cielo

Quando sono un po’ malinconica vado alla ricerca di un film che mi commuova un po’ per un bisogno tacito di versare qualche lacrima giustificata.

Il film che ho visto ieri sera in realtà di lacrime me ne ha fatte versare un sacco, ma ve lo consiglio perché è bellissimo, è una storia vera e il cast è eccezionale.

 “Miracoli dal cielo”, è basato sull’omonimo romanzo autobiografico di Christy Beam e racconta l’incredibile storia della sua famiglia. 

I Beam sono una famiglia felice e serena, molto credente e dai sani principi. 

Christy e Kevin hanno una bella vita e una bella famiglia, insieme alle loro tre figlie, frequentano una chiesa e hanno tanti bei progetti da realizzare.
All’improvviso però qualcosa di tragico viene a oscurare questa felicità: la secondogenita, Annabel, di dieci anni, è affetta da una rara malattia dell’apparato digerente, incurabile oltre che molto dolorosa.

Non voglio raccontarvi altro perché merita di essere visto senza conoscerne il finale.

Vi dico soltanto che ad un certo punto del film accade un miracolo.

Ma cos’è un miracolo?

Evento straordinario al di sopra delle leggi naturali”

Vi riporto una frase della mamma pronunciata verso la fine della storia

“Albert Einstein ha detto che ci sono due modi di vivere la vita:
uno, come se niente fosse un miracolo; e l’altro, invece, come se ogni cosa fosse un miracolo.
Io non stavo di certo vivendo la mia vita come se ogni cosa fosse un miracolo.
E mi sbagliavo.
I miracoli stanno dappertutto.
I miracoli sono altruismo;

a volte si manifestano nei modi più inattesi grazie a persone che attraversano la nostra vita,
o grazie ad amici che ci rimangono accanto in qualunque situazione.
I miracoli sono amore”

Quando mio marito si è ammalato ho sperato anch’io che un miracolo potesse salvarlo perché sapevo che umanamente la sua malattia non avrebbe lasciato scampo.

Credere nei miracoli alimenta la nostra povera speranza, rende più tollerabile il vivere soprattutto nei giorni più duri, quelli privi di luce.

Poi qualche volta, accade come per Annabel che i miracoli si avverino, altre volte invece, molte altre volte, il miracolo non avviene e ci rimane soltanto da fare i conti con la delusione e un po’ anche la rabbia.

Io credo che la difficoltà maggiore stia nel fatto che mentre siamo occupati a chiedere un preciso miracolo, attorno a noi ne accadono molti altri continuamente.

Oggi se ripenso al percorso di malattia di mio marito, non posso fare a meno di ricordare i momenti belli che nonostante tutto ci siamo regalati, piccoli viaggi durante i momenti di tregua, incontri con le coppie dai quali facevamo ritorno carichi e rigenerati, tempo trascorso con i nostri figli, gli amici, i famigliari che non perdevano occasione di circondarci del loro amore e del loro affetto.

Penso a questo primo anno trascorso senza di lui, a quanto sarebbe stato facile per me e i miei figli lasciarci travolgere dalla disperazione, e invece, miracolosamente siamo sopravvissuti e abbiamo trovato il modo di riprendere il cammino, perché se da uno spiraglio di cielo lui riesce a vederci, vogliamo che sia fiero di noi.

Credo che i miracoli abbiano poco a che fare con la fede.

Perché tutti ne veniamo sfiorati di continuo, anche se non ci crediamo, anche se non sempre riusciamo a riconoscerli, anche se non diamo loro troppa importanza.

E’ un miracolo fare ritorno a casa ogni sera e poter riabbracciare i propri cari.

E’ un miracolo essere sopravvissuti a una pandemia mondiale.

E’ un miracolo alzarsi la mattina e arrivare a sera senza aver avuto nessun dolore, senza aver perduto il lavoro, la dignità, e la speranza.

E’ un miracolo incontrare persone gentili proprio quando ne abbiamo bisogno, avere una giornata di sole, cibo sulla tavola, e scarpe comode per camminare.

Qualche volta i miracoli che accadono coincidono con quelli che chiediamo come la storia di Annabel dimostra, altre volte no, ma ciò non significa che non siamo stati ascoltati, quanto piuttosto che stavamo chiedendo il miracolo sbagliato.

Oggi voglio augurarvi buona giornata con una canzone che ho da poco ritrovato grazie a mia figlia Susanna che ogni tanto la suona e la canta riempiendo la casa di musica e parole che mi ricordano ogni volta la bellezza del miracolo che è la nostra vita.

15 pensieri su “Miracoli dal cielo

  1. gessica

    Un miracolo avere qno che ci ascolta , accoglie le nostre fatiche e le trasforma in opportunità di crescita……hai ragione, anche nei momenti più duri siamo continuamente sfiorati da piccoli miracoli…..cerco sempre di stare all’erta per coglierli e attingere da loro la forza per superare le difficoltà quotidiane.
    ti abbraccio fortissimo Gio!!!!!

    Piace a 1 persona

    1. Bellissimo post, complimenti! Mi ritrovo nelle tue parole.. E sono d’accordo con te, è vero che a volte chiediamo il miracolo sbagliato e che invece intorno a noi ne succedono altri e che non sempre noi li vediamo, ma quando succede è bellissimo.

      Piace a 1 persona

  2. Rosanna Ippolito

    Anche mio padre si è ammalto di una malattia incurabile e non sai quante volte ho sperato in un miracolo….Come dici tu è stato un miracolo non farsi travolgere dalla disperazione, un miracolo ritornare a sorridere, a vivere, a sperare….

    Piace a 1 persona

  3. Sono pienamente d’accordo con te sui miracoli che avvengono attorno a noi, piccoli o grandi che siano, che spesso non vengono riconosciuti. Appena si acquisisce la consapevolezza e si riescono a vedere, si viene pervasi da un sentimento di “connessione”, si riesce a comprendere il senso delle cose, o semplicemente si ha la sensazione che qualcuno ci stia guidando o stia pensando a noi, e non si può far altro che sentire gratitudine.
    Sei una donna molto forte, mi annoto il film che hai visto, mi piace commuovermi ed alimentare speranza.

    Piace a 1 persona

  4. Francesca

    Ciao, ….si è proprio vero; quanto è bello scoprire…magari anche non immediatamente, che gesti, incontri e situazioni, che x altri sono semplici eventi della vita, sono piccoli e grandi miracoli che ti fanno capire che nella vita non sei solo che attorno a te c’è anche un “mondo d’amore” (come diceva una vecchia canzone😊)
    Buona giornata

    Piace a 1 persona

Rispondi a gessica Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...