CAMMINARE CON IL MIO CANE

Il problema non è tanto
che io parlo e lui non mi capisce.
Semmai il contrario: il vero enigma
è il cane, che tutto sa di me
e mai ne riferisce.

L’enigma del cane di Franco Marcoaldi

Camminare con il mio cane riporta equilibrio nella mia vita.

Mi invita a stare al suo passo, a guardarmi in giro, ad osservare il cielo e i prati e domandarmi dove vanno a finire.

Camminare con il mio cane mi obbliga a stare nel qui e ora, ad assecondare i suoi bisogni anziché i miei, a domandarmi con curiosità cosa c’è di tanto buono nell’aria da sentire il bisogno di annusarla ad occhi chiusi.

Camminare con il mio cane mi autorizza a stare in silenzio, conduce i miei pensieri verso strade sicure, rende i giorni uno uguale all’altro con una routine che rincuora e riscalda l’animo.

Un po’ di sole, l’aria frizzante del mattino, il suo respiro e il mio sincronizzati con il nostro passo, la meta improvvisata, nessuna aspettativa se non quella di guardare il mondo insieme e stare a vedere cosa succede, senza fretta di arrivare.

Non c’e bisogno di acchiappare i pensieri che arrivano, si possono lasciare andare e fare finta di non averli nemmeno sfiorati.

Chinarsi per una carezza, guardare il mondo dalla sua prospettiva e stupirsi di quanto sia semplice ma felice alla fine il suo vivere.

Camminare con il mio cane è sentirmi amata, speciale, preziosa.

Fly, volo leggero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...